SFOGO contro l’Online Marketing Sapientino (contiene testi espliciti)

Oggi pariamo di Online Marketing Italiano dei Bassifondi e quello che stai per leggere non è altro che uno sfogo di mezza estate che ho scritto in seguito ad avvenimenti a cui ho avuto modo di assistere nella mia carriera da venditore.

All’inizio non sapevo se pubblicare o meno questa lettera che in teoria doveva rimanere sulla mia scrivania, poi ho avuto la malsana idea di farne una sponsorizzata Facebook. Non ti dico gli insulti.

D’altronde non la toccavo piano, e in un certo senso mi sono meritato la pioggia di insulti che sono arrivati con quella sponsorizzata.

Pioggia di insulti che continuerà a cadere, poichè sono un tipo un po’ strano e non non ho tutti gli ingranaggi che girano nel verso giusto, motivo per il quale ho deciso di rendere questa lettera ancora più ufficiale, pubblicandola sul mio blog.

Buona visione.

L’online marketing italiano è un orgia di mafiosi complessati con manie di grandezza, pronti a vendere la madre per raccattare qualche spicciolo che gli consentirà di campare un altro giorno in più, come se il mondo gliene fosse grato.

 

Il concime deve stare sottoterra, li è utile… li puo’ fare del bene alla collettività, aiutando la crescita di alberi che poi daranno i frutti della vita.

 

Vedo gente che se lo misura col righello, conta i followers, i likes, gli iscritti al gruppo telegram e poi fiera esclama “io ce l’ho più lungo”.

 

Sul serio siete così ingenui a credere che questi siano dati meritevoli di attenzione ai fini del risultato finale? Guardate che a far esplodere queste metriche non ci vuole niente, dico sul serio… se schiaccio l’interruttore vi supero di 10 volte da solo.

 

Ma ne vale veramente la pena?

 

Eppure si pensa ancora che questi numeri siano fondamentali… cosa volete capire voi, che ancora usate il bue per arare i campi.

 

Ho visto gente mancare di rispetto all’operato altrui, intrufolarsi in gruppi e tentare di estorcere soldati con lo scopo di arruolarli nel proprio reggimento.

 

Io da soldato… non seguirei mai un simile rifiuto organico della società, rinnegato dalla madre ed abbandonato in un cassonetto nella più squallida periferia della città Natale.

 

Poi tutti col BOT, che manco sapete mettere insieme page builder ed autoresponder. Sbagliate l’abc e date colpa a tutti tranne che a voi stessi. Se le vostre email finiscono in spam non è colpa della tecnologia che state utilizzando, ma del cerume che avete nel cervello.

 

Postate commenti offensivi e deliranti, siete sapientoni pieni di ego che hanno giocato troppo col sapientino da bambini, magari avete vinto qualche volta di troppo e vi siete convinti di saperne.

 

Fate un botto di soldi voi dell’online marketing sapientino.

 

Siete dotti e dispensate le vostre pirla di saggezza non richieste.

 

Ho solo una domanda, se davvero siete così impegnati nel vostro business, com’è che trovate tutto sto tempo per commentare i post degli altri?

 

Miei cari sapientini, vi svelo una massima di ZiHuccio (io): “se ne state parlando non lo state facendo, se non lo state facendo non state guadagnando”.

 

Il business non si discute, si fa.

 

Perdonatemi dunque, se non leggerò quasi nulla di ciò che scriverete. A buon intenditore…

 

Mentre vi scrivo questa poesia messa in prosa, medito sul da farsi… sponsorizzare oppure no questi versi? Sarò censurato per spargimento di sangue.

 

Se volete sapere di che mi occupo Cliccate QUI (link rimosso perchè così ho deciso, l’udienza è tolta)

 

Ma ricordate che non dovete rompere quelle cose che ad agosto sudano un sacco e che si appiccicano a qualunque cosa sia adiacente al loro posizionamento su Google Maps.

 

PS: se mi sveglio storto banno come un pazzo e divento Bugs Bunny… vi chiedo solo di osservare ed apprezzare il sacrificio che c’è dietro. Vi amo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *